bandiera del Principato Principato de Roe Basse, lo Statuto
bissa
bandiera del Principato




caccia al tesoro 2018 Caccia al tesoro 2018
caccia al tesoro e castagnata Caccia al tesoro e castagnata
nuova segnaletica Nuova segnaletica
Sagra dela Madona 3 Sagra dela Madona 3 (dopo)
Sagra dela Madona 3 Sagra dela Madona 3 (prima)
Attentato al Principe 2 Attentato al Principe (2)
Habemus Principem Habemus Principem
Sagra dela Madona 2 (dopo) Sagra dela Madona 2 (dopo)
Referendum 2 Referendum (2)
Sagra dela Madona 2 (prima) Sagra dela Madona 2 (prima)
Inno Nazionale e altro Inno Nazionale e altro
Sagra dela Madonna Sagra dela Madona
Referendum Referendum
una porchetta Una porchetta
Attentato al Principe di Roe Basse Attentato al Principe di Roe Basse
i 3 dell'Ave Maria I 3 dell'Ave Maria
È toccato a noi, purtroppo È toccato a noi, purtroppo
il magnifico Il magnifico
Biancaneve la è gnàsa Biancaneve la è gnàsa !!!
questa si' che l'è cultura !!! questa si' che l'è cultura !!!
perle di saggezza perle di saggezza (?)




  Caccia al tesoro 2018

  15 settembre 2018

   Visto il successo dello scorso anno la manifestazione è stata ripetuta, e grazie anche alla bellissima giornata ha riscosso un successo ancora maggiore.
  Sedici gli equipaggi partecipanti che sinono cimentati nell'individuare i luoghi depeutati alle prove previste, nei travestimenti, nel reperimento degli oggetti richiesti e nella soluzione degli indovinelli proposti.
  Il tutto ha avuto inzio verso le 13 per concludersi verso le 19 nel capannone predisposto di fianco alla chiesetta del Principato, con pastin, patatine e bevande varie.
Nelle foto alcuni momenti della giornata.



Inizio pagina  





  Caccia al tesoro e castagnata

  11 novembre 2017

   Negli anni settanta venivano organizzate sovente ed in varie zone della provincia delle caccie al tesoro automobilistiche.
Il tutto si svolgeva grosso modo così: ogni equipaggio doveva essere composto da minimo tre a massimo cinque persone, alla partenza veniva consegnata ai partecipanti una busta con l'indicazione della prima destinazione, giunto sul luogo doveva essere superata una prova di abilità, sportiva, culturale ecc., veniva quindi consegnata la seconda busta per un'altra destinazione ed un altra prova e così di seguito. Alla fine gli equipaggi dovevano presentarsi all'arrivo con gli oggetti richiesti e mascherati secondo le istruzioni ricevute.
  Era una cosa simpatica e divertente ed abbiamo pensato che si poteva rifare.

  Naturalmente le moderne tecnologie di facilitano l'individuazione dei luoghi e la soluzione dei problemi, per cui si è pensato di rifarla utilizzando telefonini ed altro.

   La manifestazione, tenuta nel piazzale della chiesa, a grandi linee si è svolta così: partenza dei concorrenti, con naturalmente percorsi diversi, alle ore 13, le indicazioni sono state date via WhatsApp, come tutte le successive; giunti sul luogo indicato risoluzione del gioco e invio di una foto, quindi sono state inviate le istruzioni successive; già alla partenza è stato indicato il travestimento da adottare e gli oggetti da reperire.
La caccia al tesoro ` terminata verso le 18 e sono poi seguite le premiazioni con ricchi premi in prodotti locali ai primi 3 equipaggi classificati e premi per il miglior travestimento e per l'equipaggio composto dal nucleo famigliare più numeroso. Per tutti i componenti dell'equipaggio ultimo classificato sono stati previsti come premio di consolazione, 15 giorni di entrata gratuita al Parco Acquatico del Bojon De Vatai.

   Durante la manifestazione e sopratutto dopo c'è stata una castagnata sotto un capannone coperto e riscaldato, assieme a pastin, patatine, brulé e bibite varie. La giornata è stata allietata, si fa per dire, dalla musica di Titti DJ con la partecipazione nella serata del grande Max, special guest star.

  Nella foto l'equipaggio vincente.

Caccia al tesoro

Inizio pagina  





  Nuova segnaletica

  3 gennaio 2017

   Grazie alla lungimiranza, all'impegno e alla dedizione di Sua Altezza Alcolica Francesco III.o, negli ultimi 15 mesi la segnaletica del Principato è stata ulteriomente arricchita.

nuova segnaletica


nuova segnaletica


nuova segnaletica

Inizio pagina  





  Sagra dela Madona 3

  23-24 gennaio 2016

   Il 23 e 24 gennaio 2016 si è svolta a Roe Basse la 3.a Sagra de la Madona, la manifestazione è stata organizzata grazie alla collaborazione fra l'A.S.R. Principato de Roe Basse ed il Gruppo Roe ed è stata ospitata in una struttura, riscaldata, che copriva tutto il piazzale situato di fianco alla chiesetta.
Si è iniziato sabato 23 a mezzogiorno con l'apertura della frasca e l'inizio delle votazioni per lo scemo del villaggio, a cui ha fatto seguito la RetroRun, una pedonata in drio cul, che ha visto la partecipazione di un'ottantina di concorrenti. La vittoria ha arriso ad un atleta di Verona, che ha percorso i circa 700 metri in 2'51". La pedonata in drio cul non è stata la prima per Roe Basse: già nel 1979 ne fu organizzata una, in salita, di circa 800 metri, dal Bar di Roe Basse al piazzale della chiesa di Roe.
Quasi contemporaneamente si svolgeva la tradizionale gara di briscola ed intanto due giovani fisarmonicisti allietavano i presenti.
Alla cena serale ha fatto seguito una serata musicale condotta da Pako, Elena e Evelyn, con gli intermezzi della consegna degli attestati di partecipazione al Corso di Recupero per Astemi e della proclamazione dello scemo del villaggio. L'esito delle votazioni ha premiato quest'anno Titti, uno dei tre che si erano volontariamente candidati per l'ambita (si fa per dire) carica; al vincitore sono andate 109 preferenze, un risultato che lo ha visto surclassare il secondo più votato, fermo a 39.
Domenica mattina processione per le vie del paese con la partecipazione della Banda e successivo pranzo partecipato da veramente tanta gente.
A gennaio 2021.

Inizio pagina  





  Sagra dela Madona 3: qualche anteprima

  17 gennaio 2016

  Come le due precedenti edizione anche questa terza Sagra dela Madonapresenterà degli aspetti peculiari, ne anticipiamo qualcuno.

Elezione dello scemo del villaggio.
Tutti i paesi del mondo godono della presenza di un loro personale scemo.
Generalmente la cosa non viene in nessun modo regolarizzata, noi invece riteniamo che una carica così importante debba essere, nel nome della democrazia, sancita dal volere del popolo. Per questo ogni cinque anni i cittadini del Principato sono chiamati alle urne per esprimere con il loro voto colui che sarà eletto scemo del Villaggio.
Per la prima volta ci sono anche dei candidati spontanei (ben tre), il voto potrà comunque essere espresso anche per non candidati qualora si ritenga che vi siano persone che meglio rappresentano la comunità nell'arduo compito; ovviamente, nel rispetto della parit` dei sessi, il voto potrà essere dato anche al femminile.Può anche essere rieletto lo scemo uscente che comunque potrà ricoprire la carica per soli due mandati.
Dalle ore 13 di sabato 23 gennaio verranno aperti i seggi presso la tensostruttura della Sagra dela Madona, si potranno esprimere al massimo quattro preferenze e potranno votare anche i non residenti.
La fine delle votazioni è prevista in serata con l'esaurimento delle schede, dopodiché immediatamente le urne saranno trasportate sotto scorta, come cnsuetudine, alla residenza del Presidente dell'Associazione dove alla presenza di Sua Altezza Alcolica Francesco IIIºla commissione elettorale inizierà lo spoglio delle schede;il risultato delle votazioni sarà reso noto alla cittadinanza al rientro degli scrutatori.

Pedonata in drio cul.
Dopo la fortunata edizione del 1979 torna per la seconda volta nel Principato la pedonata in drio cul (RetroRun).
Alcune ricerche su Internet ci hanno rivelato la corsa all'indietro, o retrorunning, o backward running,è una disciplina sportiva che vede un discreto numero di competizioni, nata negli anni '80 negli Stati Uniti e giunta in Italia nei primi anni '90; alla luce di ciò possiamo affermare che la nostra pedonata in drio cul del 1979 è stata la prima in assoluto disputata in Italia, e, se non la prima,una delle prime al mondo.
La partenza della prima edizione fu dal bar Roe Basse e l'arrivo fu all'allora Bar Milani, presso il piazzale della chiesa di Roe Alte, per una percorrenza di oltre 800 metri, di cui più della metà in salita.
La seconda edizione vedrà la partenza presso lo stand della sagra, il percorso verso est passerà dietro la casa di Vittorio, rientrato per l'occasione dal servizio di vigilanza a Piazza San Pietro, si continuerà nei pressi della casa di Dino e poi lungo la strada comunale rientrerà allo stand; la percorrenza sarà di quasi 700 metri; a tutti iscritti verrà consegnato un portachiavi a ricordo della manifestazione ed un buono per la consumazione di una bevanda.
Sul percorso vi saranno dei giudici di gara che controlleranno il regolare svolgimento della manifestazione e saranno attribuiti dei secondi di penalità ai concorrenti che non procederanno rigorosamente e sempre in DRIO CUL.

Attestati di partecipazione al Corso di Recupero per Astemi.
Talvolta avviene che incauti automobilisti vengano ingiustamente e proditoriamente privati di quel documento che attesta la loro capacità alla guida, per incomprensioni con i tutori dell'ordine stradale.Per rientrare in possesso del prezioso e talvolta indispensabile documento, devono, per periodi che si basano sulle percentuali di sangue rinvenute nella loro circolazione, sottoporsi ad una forzata astinenza dalle bevande alcoliche.
Riavuto il documento, non sempre è facile per costoro tornare alla loro normalità.
Per questo è stato istituito il Corso di Recupero, valido anche per chi è astemio per una errata educazione. Tale Corso, a piccoli passi e con l'aiuto di personale altamente specializzato li condurrà serenamente e senza traumi ad essere ricollocati nella società civile.Gli attestati di frequenza e partecipazione al corso saranno consegnati alle ore 23 di sabato.

Inizio pagina  





  Attentato al Principe

  30 agosto 2014

  Gravissimo attentato, nella tarda serata dello scorso sabato, a Sua Altezza Alcolica Francesco 3°, Principe de Roe Basse e Boscade.
  Come spesso accade il Principe era nel Suo ufficio personale all'esterno (il Principe fuma) dell'osteria di Roe Basse intento alle pubbliche relazioni con il Suo Popolo allorquando, con fastidioso stridio di gomme, una non ben precisata vettura (gli inquirenti sono ancora all'opera ed esiste il massimo riserbo) che sopraggiungeva da Piazza Santa Barbara ad alta velocità repentinamente girava, con opportuno colpo di freno a mano, verso il piazzale di fronte al bar; sembra che l'incauto pilota abbia perso il controllo del mezzo che continuando nella traiettoria imposta dall'ardua manovra sia andato a sbattere contro il basso muretto che divide l'osteria dal parcheggio.
  Prontamente è intervenuto il servizio di sicurezza che ha circondato la testa coronata facendo usbergo con il proprio corpo a possibili evoluzioni di quello che era stato interpretato come un vile ed ingiustificato attentato all'indiscusso sovrano.
  Il Principe, come si conviene a cotanto personaggio, non si era scomposto più di tanto; era solo rammaricato perchè nel repentino movimento di sorpresa per cotanto disastro aveva versato un pò della birra che stava sorseggiando.
  Appurato con rapido controllo che la vettura non conteneva esplosivi od altro atto ad offendere, l'incauto pilota ancora scioccato fu sottoposto alle cure del caso all'interno del bar amorevolmente assistito dal barman.
  Spostata l'ingombrante vettura, sistemato tavoli, sedie e muretto, il Principe riprese le proprie mansioni, birra in mano, come se nulla fosse avvenuto.

Inizio pagina  





  Habemus Principem



S.A.A. Francesco III.o

Annuntio vobis gaudium magnum;

habemus Principem:

Eminentissimum ac Reverendissimum Dominum,

Dominum Igor,

in Nationalibus Principatum Icio

qui sibi nomen imposuit Francescus 3°

Inizio pagina  





  Sagra dela Madona 2 (dopo)

  25 gennaio 2011

  Promosso, a furor di popolo, con unanime plebiscito il referendum che vedrà il Principato de Roe Basse annesso al Principato del Liechtestein.
  Soddisfatti gli osservatori inviati da Hans – Adam II° che con precisione Svizzera hanno partecipato allo spoglio delle schede; già si parla dell'insediamento di almeno un paio di istituti di credito, e stanno già fioccando le richieste di cittadinanza.
  Soddisfatto, naturalmente, anche Bernardo II° pur consapevole che il suo comunque regale ruolo sarà subordinato al maggior peso del regnante Alemanno (che non è il sindaco di Roma).
   Il Principato de Roe Basse entra così, di fatto, a far parte dell'ultima vestigia del Sacro Romano Impero.
  Eletto anche lo scemo del villaggio per il prossimo quinquennio; motivi di privacy impongono di indicarlo con le sole iniziali, F.E. ha prevalso nettamente su tutti gli altri candidati.
   La seconda festa della Madona ha comunque avuto un successo che ha ampliamente gratificato gli organizzatori, già il sabato sera c'era stata notevole affluenza di pubblico per l'esibizione canora del grande Pako e dell'altrettanto e forse più, grande Max;.
  La domenica, grazie anche ad una splendida giornata di sole, un nutrito corteo ha accompagnato la sacra effige per le vie del paese con l'eccelso accompagnamento del Corpo Musicale Comunale di Sedico; ed infine tutti al coperto e “comodi” sotto la capiente struttura riscaldata dove sono state consumate le prelibate pietanze preparate da Moreno, il titolare del Ristorante Il Capannone, e dai ben collaudati cuochi del Gruppo Roe.
   L'appuntamento naturalmente è fra cinque anni.

Inizio pagina  





  Referendum 2

td align=right>1.54%
REFERENDUM PER L'ANNESSIONE
AL PRINCIPATO DEL LIECHTENSTEIN

SI5893.54%
NO46.46%
Voti Validi62
Schede Bianche2 3.08%
Schede Nulle1
Totale Votanti65

Inizio pagina  

tr>



  Sagra dela Madona 2 (prima)

  30 dicembre 2010


  C'è grande attesa nella ridente frazione di Roe Basse per il ritorno, dopo i cinque anni programmati, della “festa dela Madona” del 22 e 23 gennaio 2011.
   Programma epico per la due giorni che vedrà la tranquilla esistenza degli abitanti turbata dagli eventi; primo fra tutti la processione di domenica 23 gennaio (ore 11) che porterà la statua della Madonna in giro per la via principale (la Main Street) del Principato trasportata a spalla, come tradizione vuole, dalle donne del paese. Il sacro corteo transiterà sotto gli enormi archi allestiti con rami di pino ed addobbi floreali e sarà preceduto dall'eccelso Corpo Musicale Comunale di Sedico.

   Non solo sacro alla festa de la Madona, giunto alla normale scadenza sarà eletto lo scemo del villaggio, numerosi i candidati in lizza che ambiscono all'alto e non retribuito incarico, viste anche le candidature di aspiranti fuori dai principeschi confini è al vaglio della commissione elettorale la possibilità della elezione dello scemo Provinciale.

  La passata edizione aveva anche sancito con consultazione popolare referendaria la volontà dei cittadini (308 voti favorevoli e 3 schede nulle su 84 aventi diritto al voto) di passare a far parte del Principato di Monaco. Dopo l'iniziale entusiasmo "Berto", distratto da impegni burocratici e da altre cose, ha dimostrato con crescente freddezza dovuta agli eterni mutamenti emotivi propri della ragion di stato, quasi indifferenza per la questione, tanto da spingere il comitato referendario ad indire una nuova consultazione, abrogativa della precedente, che sancisca con nuovo voto l'autodertiminazione popolare di essere parte, naturalmente con pari dignità, al Principato (Furstentum) del Liechtenstein.
   I motivi che caratterizzano questa consultazione, come pure la precedente, sono prettamente economici e nulla hanno a che vedere con questioni storiche o di appartenenza. Bernardo 2°, il nostro illuminato e sulfureo Principe, ha già avviato trattative con Hans-Alam 2° (secondo anche lui; quasi un pari merito) che ha incaricato Klaus (il loro Silvio) di inviare degli osservatori che parteciperanno alla serata del 22 gennaio per controllare la regolarità del voto ed il successivo spoglio delle schede.
   Qualcuno ha anche avanzato l'ipotesi di interessare gli osservatori dell' ONU.

   Naturalmente la serata del sabato e la giornata di Domenica saranno anche un momento di sana festa paesana, saranno servite sotto il capiente capannone riscaldato a dovere, oltre alle bevande di rito, gustose pietanze della tradizione Roebassiana, quali polenta e scopeton (il pregiato pesce del Mar Baltico), tripe sute e in brodo, polenta e figadei, fasoi co la pantheta, carne e pastin su le bronthe e pastasuta.

  A seguito della recente ondata di pioggia uno smottamento ha portato alla luce in un angusto anfratto, sulle cui pareti figuravano imprecisi graffiti e pregevoli bassorilievi di antica memoria, sopra una specie di altare uno scrigno di pregevole fattura al cui interno tra le tante pergamene, ora al vaglio di illuminati studiosi, ve n'era una scritta con rune ancestrali, ma comunque intuitive, che descriveva una elaborata pietanza che i nostri cuochi intendono preparare quale condimento per dei gnocchetti di pasta.
  Un ricco premio sarà attribuito a colui che indicherà tutti gli ingredienti dell'elfica ricetta.

Inizio pagina  

/td>



b>  Inno Nazionale & altro


  19 aprile 2006


  Nonostante l'eclatante risultato referendario dello scorso gennaio che ha comunque dato piena soddisfazione ai promotori dell'iniziativa ed ha soprattutto dato un chiaro ed evidente segnale della volontà del popolo RoeBassiano di essere artefice nell'autodeterminazione del proprio destino, rimangono a tutt'oggi da risolvere i molteplici problemi legati al responso dell'urna.
  I contatti finora intrapresi da Sua Luminescenza Sulfurea Giulio 1° non hanno dato quei risultati auspicati, Berto anzi si è dimostrato, dopo l'entusiasmo iniziale, alquanto freddo nei rapporti tra i due reami, tanto che nel concreto ancora non sono state prese decisioni di rilievo disattendendo così le aspettative dei cittadini.

  Giulio 1°, che Dio lo conservi, sta quindi ponderando e propendendo per l'intraprendimento di una risolutiva iniziativa che ponga il Principato de Roe Basse nella situazione internazionale che gli compete.
  Indiscrezioni dalla stanza dei bottoni, per ora solo ufficiose, fanno trapelare la sconvolgente, pur se necessaria, ipotesi di un referendum abrogativo del precedente con concomitante altro quesito popolare che sancisca invece l'annessione al Principato del Liechtestein !!!.
  Sembra, il condizionale È d'obbligo, che stavolta siano stati fatti tutti i passi per ottenere, se il responso sarà come previsto favorevole, massima soddisfazione e parità di dignità tra i due regnanti.

  Nel frattempo la fervida immaginazione della nostra testa coronata ha anche pensato di dotare il Principato, sempre attraverso un quesito popolare, di Inno Nazionale.
  L'illuminata, non poteva essere altrimenti, scelta Principesca è ricaduta su alcune importanti opere di compositori ignoti sulle quali si potrebbe fondare il motivo trainante: "me piase i bigoli co la lugànega", "Rosina damela", "se al mar al fus-e de tòcio", "i pon, i per e i pèrseghi", "e mi e ti e Toni".
  Il grande amore e l'altrettanto grande rispetto per i sudditi hanno impostoe al Sulfureo la massima apertura per i suggerimenti di così importante simbolo e pur se nella scelta delle succitate importanti opere vi è già un'indicazione di massima, almeno per quanto riguarda i testi, la volontà del Luminescente è di dare spazio al popolo, per cui ognuno ha potuto, attraverso un apposito sondaggio aperto sul Web del Principato, inviare la propria proposta alla sede del competente ufficio (sondaggio ora chiuso).

Inizio pagina  





  Sagra dela Madona


21-23 gennaio 2006
  Malgrado il clima eccezionalmente rigido non poteva andare meglio di com'è andata la commemorazione del centenario della Chiesetta Santuario di Roe Basse.
  Quasi tutti gli abitanti del Principato hanno dato una mano ad allestire gli improvvisati capannoni e particolarmente preziosa per la riuscita della manifestazioneè stata l'indispensabile collaborazione dei volontari del Gruppo Roe; collaborazione che è senza dubbio preludio alla auspicata riappacificazione tra i due paesi dopo le note vicende del furto della Caliera.

  La Santa Messa è stata concelebrata dai parroci di Roe e Sedico sotto il capannone opportunamente allestito e preparato per contenere i numerosi fedeli, la piccola chiesetta non avrebbe di certo potuto contenere neppure un decimo delle persone intervenute.
  L'interminabile processione per le vie del paese passando sotto i tre archi di pino abbelliti dei fiori di carta preparati per l'occasione dalle sapienti mani delle fanciulle residenti, caratterizzata dalla presenza della sempre meravigliosa Banda di Sedico, ha visto l'impensabile partecipazione di tantissima gente di tutte le età e di tutte le provenienze.Come vuole l'antica tradizione la statua della Vergine è stata portata dalle donne del paese.

  Impensabile anche la partecipazione al quesito referendario; è stato necessario aggiungere un'ulteriore urna per contenere la valanga di schede votate ed è stato accettato dall'incorruttibile scrutatore e presidente di seggio il voto espresso con messaggio telefonico per favorire in questo modo i cittadini RoeBassiani residenti all'estero. I due principi
  Scontato l'esito auspicato comunque dal Comitato Promotore, che scrutinate attentamente le 323 schede ha riscontrato 322 voti validi ed una sola scheda nulla, i no sono stati 6 ed i restanti 316 voti (98.14%) hanno espresso fermamente il sì alla domanda che poneva il quesito per l'annessione al Principato di Monaco.
  Felice dell'esito dell'urna il nostro ambasciatore Titti Fabiet dai Scarlin, già in terra Monegasca per gli opportuni accordi e per altre cose sue, che ha prontamente dato comunicazione dei risultati a Berto, anch'egli felice di siffatto plebiscitario esito. Ora tutto è in mano alla diplomazia internazionale.
  Felice dell'esito e pronto a soddisfare la volontà del popolo Sua Altezza Sulfurea Giulio I.o (ovviamente presente allo scrutinio) ha già preso gli opportuni accordi che vedranno a breve sventolare alta sul pennone la bandiera unificata dei due regni.
  Scrutinate anche le schede di voto che assegnano l'ambita e decennale carica di scemo del villaggio; 298 i voti validi e vince con ben il 42.95% A.C. che con questo risultato si impone ad R.M. (9.40%) ed al candidato della Campedel Corse (6.71%); soddisfatti dal risultato parenti ed amici che subito hanno voluto congratularsi con il neo eletto.
  La ottima riuscita della manifestazione ha convinto gli organizzatori a ripetere l'esperienza a cadenza quinquennale.

  Molta la curiosità destata dal piatto tipico e tradizionale riscoperto per l'occasione: il Kebob.
  Vi È un'affinità che qualcuno ha fatto giustamente notare con il Donner Kebab (o Kebap) di origini più mediterranee.
  Da antiche pergamene di recente ritrovamento, che contengono oltre alla ricetta anche l'origine della pietanza, si evince che nell'aerea infestata in quei tempi di rovi (le roe) e sterpaglie fosse uso della Serenissima Repubblica inviare i prigionieri di origine ottomana per il risanamento ed il recupero dei terreni, come del resto avveniva anche in altre località della provincia.
  Trovato l'unico animale dalle carni commestibili che uso a razzolare ben poteva adattarsi all'ambiente e che essi non conoscevano in quanto in ossequio alla loro legge bandito nei loro territori di origine, in un momento di particolare famelico desiderio e mescolandolo con carni di altri animali autoctoni inventarono questa particolare prelibatezza oggi riscoperta.

Inizio pagina  





  Referendum

  A seguito del risultato del recente referendum che ha visto i cittadini Lamonesi scegliere di far parte della Provincia di Trento, risvegliando così una non troppo disinteressata voglia in vari altri comuni Bellunesi di trasferirsi rmi e bagagli verso siti economicamente più vantaggiosi, anche nel Principato de Roe Basse si è improvvisamente risvegliata unamai sopita voglia di autodeterminare il proprio destino.
  È nato perciò un comitato che ha indetto un referendum che sancisca e determini l'annessione del Principato de Roe Basse al ben più blasonato Principato di Monaco.
  Consapevoli dei numerosi vantaggi, non solo economici, che ricadrebbero sul paese, il comitato pensa di chiamare alle urne i 94 cittadini residenti, senza discriminazione alcuna per sesso, religione, etnia od età, il prossimo 23 gennaio, giorno della tradizionale sagra che come di consueto proporrà il ricco menù di trippa e scopetoi. L'invito alle urne èaltresì esteso ai ben più numerosi cittadini residenti fuori dai patri confini,
  Essendo ormai in scadenza l'ambito titolo, l'ultima elezione risale al 1995, nella stessa giornata sarà anche eletto lo scemo del villaggio.
   Le urne saranno aperte presso il bar Eden prima, durante e dopo la sagra.
  È atteso un risultato plebiscitario.

    Il comitato promotore

Inizio pagina  



una porchetta
il porco è quello legato con lo spago

Inizio pagina  





  Attentato al Principe di Roe Basse

  Nell'approssimarsi della fatidica data del 28 agosto 2005, giorno in cui sarà disputata la quindicesima edizione del "Caliera Trophy", un grave e delittuoso avvenimento ha sconvolto e turbato il sonno degli abitanti del Principato de Roe Basse e non solo:il nostro Principe, Sua Altezza Sulfurea Giulio 1°, è stato oggetto e vittima di un attentato.
  Gli inquirenti escludono categoricamente la matrice islamica.
  Nella notte, sicuramente verso l'alba, tra venerdì e sabato 30 luglio, mentre Giulio 1° beatamente trovava il riposo del giusto tra le braccia di un misericordioso Morfeo nella Sua seconda residenza in quel di Villa di Sedico (la residenza abituale è in un noto locale di Roe Alte), mani ignote e criminose perpetravano l'insano gesto.
  Al comatoso e tardivo risveglio il Principe ebbe l'amara sorpresa di scoprire che tutte le vetrate della veranda di protezione alla porta d'entrata erano state rotte e l'arma del delitto, un piccone, faceva bella mostra di se piantata sul cofano della sua Ford Fiesta.
  La polizia del Principato subito allertata ha inviato sul luogo dell'efferato crimine i migliori investigatori a disposizione che, isolato come prassi il luogo del crimine, hanno dato il via alle approfondite indagini mentre l'affranto Principe si trasferiva alla abituale residenza a trovare conforto tra gli abituali frequentatori della sua corte.
  Gli inquirenti, pur nel massimo riserbo e nella massima riservatezza dovuta a cotanto personaggiom hanno comunque fatto intendere che le indagini hanno già preso la giusta direzione e di essere sulle tracce di un testimone oculare. I meglio informati ritengono che il testimone sia il grosso principesco gattone che solitamente dorme sul cofano della macchina e che disturbato dall'ignoto criminale abbia giocoforza dovuto trovare un giaciglio più tranquillo e non inserito nella lista degli obbiettivi sensibili.

Inizio pagina  





i 3 dell'Ave Maria

Inizio pagina  




Titti comment Titti

Inizio pagina  






Ciano's Ape Ciano's comment

Inizio pagina  





questa sì che l'è cultura !!!

  • Che differenza c'è fra da solo e in solitaria ?
    Da solo significa da solo. In solitaria invece si può andare indue, in tre, in quattro o anche in di più. Si può andare in solitaria anche da soli, ma soltanto se si è mandati da qualcuno,nel qual caso quest'ultimo è totalmente responsabile di qualsiasi incidente accada (a chi va in solitariada solo).
    (S.S.
    2003)
  • Tema: Descrivi dove abiti
    Svolgimento: Io abito vicino alla strada che passa davanti casa mia.
    (S.S.
    anni '70)
  • Silvio Pellico, nato a Vicopelago, è l'inventore(non lo scopritore, l'inventore) della penicillina
    (G.A.)
  • esistono varie cure, più o meno valide,per i vari tipi di malattie, ma una sola è indicata ed insuperabile per QUALSIASIpatologia: si tratta della mejoterapia
    (R.B.)
  • la corretta pronuncia italianadel termine inglese TROPHY è TROPIC
    (P.F.)
  • il mare fa "colmo" (nel senso che più ci si allontanadalla riva più cresce l'altitudine del mare sul livello del mare). Questo è ampiamente comprovato dal fatto che una nave che si allontana scompare alla vista partendo dalla sua base, e inoltre dal fatto che non si riescono a vedere i sommergibili che si immergono
    (C.L.)
  • continua ...

Inizio pagina  



Perle di saggezza
Perle di saggezza


  • qualsiasi cane non mi ha mai morso
    (R.M.)
  • mi inchino alla mia ignoranza
    (R.M.)

Inizio pagina  


|    A.C. Bat I Quercoi    |    Dizionario BL-IT    |    Hockey BL 1998-2005    |

© 2014 A.S.R. Principato de Roe Basse